18.03.2020

Daniela Daniela Marketing Manager

COVID-19 e il suo impatto sul settore alberghiero

La diffusione del virus COVID-19 sta causando tempi difficili, soprattutto per il turismo e l'industria alberghiera. Non solo gli hotel di città sono colpiti dalla pandemia dovuta alla cancellazione di eventi e fiere, ma anche gli hotel leisure stanno registrando un notevole aumento delle cancellazioni e un calo delle prenotazioni. In questa situazione, una rapida riduzione dei prezzi non è sicuramente la soluzione giusta. Soprattutto ora, strategie di prezzo ben ponderate e decisioni fondate sono estremamente importanti.

COVID-19 rappresenta una sfida enorme per il turismo e l'industria alberghiera

In Italia, il Paese più colpito in Europa, il declino dell'occupazione nel settore alberghiero è sicuramente innegabile. Tuttavia, il mercato DACH risente anche delle conseguenze indirette di COVID-19 a causa della cancellazione delle principali fiere e delle restrizioni ai viaggi d'affari.

Allo stesso tempo, gli hotel leisure non rimangono indenni! Gli hotel e le aree sciistiche di Salisburgo, Vorarlberg e Tirolo chiudono il 16 marzo, cancellazioni di eventi, il crollo dei mercati di viaggio asiatici o la cancellazione di numerosi voli. I motivi dettagliati non hanno molta importanza in termini di situazione della prenotazione, il fatto è che l'occupazione e le entrate dell'hotel sono in calo!

Sviluppi in Italia e Austria

Soprattutto da quando la regione "Alto Adige" è stata classificata come area a rischio dal Ministero degli Esteri tedesco, è emerso un nuovo picco di cancellazioni per la prima regione italiana del turismo invernale. Molti comprensori sciistici sono stati costretti a chiudere anticipatamente gli impianti di risalita, il che ha portato a una chiusura anticipata della stagione per le attività alberghiere circostanti.

Il 10.03.2020 il governo italiano ha fatto un passo avanti e ha dichiarato l'intero Paese "zona di protezione". Regolamenti come la chiusura temporanea di scuole o asili, la chiusura di ristoranti, l'annullamento di eventi o l'appello a "stare a casa", hanno portato a drastiche restrizioni per la popolazione locale e per l'economia. 

Anche il governo austriaco ha reagito con i propri provvedimenti martedì sera, poiché dal 10 marzo 2020 tutti i valichi di frontiera dall'Italia senza certificato medico vengono negati. Secondo il cancelliere Sebastian Kurz, i rientri per gli austriaci sono già stati organizzati con il Ministero degli Esteri. Tuttavia, tutti i turisti rientrati dovranno trascorrere due settimane in quarantena in casa come misura precauzionale.  

Questo porta attualmente ad una chiusura del turismo nella destinazione di viaggio Italia.

Implicazioni per l’industria alberghiera

Il problema principale per l'intero settore alberghiero è il conseguente calo o la perdita di domanda, sia per il periodo attuale che per le settimane e i mesi a venire. Alcune regioni sono più colpite di altre, ma per tutte è importante mantenere la calma e non abbassare i prezzi inutilmente. Dopotutto, la regola è: anche con prezzi bassi, i clienti non si recano in determinate regioni. L'abbassamento dei prezzi servirà solo a svalutare ulteriormente la domanda esistente. 

Booking.com ha informato la maggior parte degli hotel che, essendo il Covid-19 un caso di forza maggiore, le politiche di cancellazione verso i clienti vanno riviste. 

Come dovresti comportarti, in ultima analisi, come albergatore? Quali sono le politiche di cancellazione da seguire e come dovreste essere accomodanti nei confronti dei vostri ospiti? Quale strategia di prezzo è la migliore per il vostro hotel in questa situazione, sia a breve termine che durante l'estate? Nella seguente guida, i nostri esperti di revenue management hanno riassunto importanti consigli su come comportarsi durante la crisi del Corona virus.