Events

18.01.2022

Johanna Johanna Business Development

Esplosione dei costi: effetti dell'inflazione sul settore alberghiero

Il 15 dicembre RateBoard ha organizzato un webinar, ospitando esperti sia del mondo finanziario che dell’ndustria del turismo per discutere sul tema dell’inflazione. In questo articolo del blog spieghiamo come i nostri esperti Monika Rosen, Lisa Neumeier, Martin Gächter, Sebastian Ott e Matthias Trenkwalder affrontano questo argomento, quali previsioni sono state fatte e in che misura gli albergatori possono reagire al meglio all'aumento dell'inflazione in futuro.

L'argomento di grande attualità ha suscitato molto interesse e noi di RateBoard siamo orgogliosi di avere oltre 300 partecipanti! Per coloro che non ce l'hanno fatta, qui stiamo preparando di nuovo il contenuto più importante, rendendo disponibile anche la registrazione.

GMT20211215-085906_Recording_1920x1080 (2)

 

Il tema dell'inflazione è di grande attualità e sta vivendo un boom all'interno del mondo dell'informazione. Da dove viene l'elevata inflazione, fino a che punto continueranno a salire i prezzi e come possono gli hotel adattarsi ad essa nel miglior modo possibile? Queste erano le domande centrali che sono state affrontate in questo webinar.

I moderatori Martin Maneschg e Johanna Holzknecht hanno condotto gli esperti attraverso discorsi chiave e interviste.

 

Martin Gächter

Martin Gächter è responsabile della stabilità finanziaria presso l'Autorità di vigilanza dei mercati finanziari del Liechtenstein. Dopo aver completato la sua tesi presso l'Università di Innsbruck, ha maturato diverse esperienze sia presso la Banca nazionale austriaca che presso la Banca centrale europea. Oggi è ancora attivo in varie università in Germania e all'estero ed è anche membro dell'ATC e membro supplente dell'ESRB.

 

“La nostra attuale generazione in realtà conosce il problema dell’inflazione solo dai Libri di storia. L'ultima grande inflazione risale, infatti, agli anni '70.”

 

Martin Gächter descrive il background dell'attuale andamento dell'inflazione. Ci offre una panoramica e spiega che l’inflazione core è il fattore centrale in base al quale si orientano le banche centrali. L'inflazione core rappresenta l'aumento dei prezzi ignorando le componenti volatili. Le componenti volatili, a loro volta, sono generalmente definite come prezzi dell'energia e prezzi dei generi alimentari.

Quando lo shock pandemico ha colpito nel 2020, la disoccupazione è aumentata notevolmente, negli Stati Uniti ancor più che in Europa. Se si verifica uno shock del genere, secondo Gächter, la disoccupazione aumenta e il PIL crolla, ciò comporta automaticamente anche una pressione al ribasso sull'inflazione. “Era esattamente così: il prezzo del petrolio e le componenti volatili sono diminuite per il momento a causa della  crisi causata dal Corona Virus.

Di conseguenza, c'è stata una ripresa molto forte nell'economia reale, su cui si basano i pacchetti di politica fiscale. Ora questa ripresa si sta nuovamente appiattendo, a causa degli intoppi nelle consegne e shock d'offerta. “Questo ha un impatto negativo sull'economia e se il rallentamento economico è dovuto a shock d'offerta, di conseguenza sussiste un potenziale rischio di far aumentare l'inflazione.”

Per rispondere alla domanda se l'inflazione sia temporanea, è importante considerare l'evoluzione degli effetti di base (prezzi dell'energia). Il prezzo del petrolio, ad esempio, è inizialmente crollato in modo significativo a marzo 2020, per poi tornare al livello del 2019 entro 12 mesi. Ciò ha un impatto estremo sugli effetti di base dell'inflazione. Se il prezzo del petrolio ora rimane costante, questo effetto base svanirebbe di nuovo e l'inflazione nell'area dell'euro cadrebbe nuovamente, spiega il direttore finanziario.

Il Sig. Gächter descrive anche che l'andamento dei tassi di interesse attualmente non corrisponde effettivamente all'andamento dell'inflazione. Per il livello di inflazione, secondo lui, i tassi di interesse a lungo termine dovrebbero essere in realtà molto più alti. Ciò accade perché o i mercati presumono che l'aumento dell'inflazione sia davvero solo temporaneo, oppure le banche centrali sono così coinvolte nei mercati obbligazionari da non aumentare ancora. Al momento, tuttavia, si presume che i tassi di interesse aumenteranno più rapidamente.

In conclusione, il Sig. Gächter ha chiarito che non c'era alcun bisogno di preoccuparsi dell'iperinflazione, poiché gli strumenti delle banche centrali erano così validi che potevano intervenire in qualsiasi momento.

 

Monica Rosen

Monika Rosen è capo analista di Uni Credit Bank e lavora nel settore bancario e nella compravendita di titoli dal 1989. La Signora Rosen è un operatore finanziario, membro del consiglio di vigilanza e vicepresidente della Società austro-americana e docente presso l'Università di scienze applicate di St. Pölten.

La Signora Rosen parla della reazione dei mercati azionari, di come lo sviluppo dell'inflazione sia correlato alla situazione della pandemia e delle differenze tra i diversi settori e segmenti.

 

“Per molto tempo c'è stata inflazione, innescata dalla globalizzazione e dalla tecnologia. Poi è arrivata la pandemia, non credo che l'abbiamo mai avuta! E ora la domanda è: adesso abbiamo una svolta al rialzo sostenuta nell'inflazione o questa oscilla e torniamo al mondo come era prima?"

 

I mercati azionari sono cresciuti notevolmente sulla base dell'inflazione. Secondo la Signora Rosen, ciò è stato sostenuto dalla politica monetaria espansiva delle banche centrali. I titoli del turismo, in particolare, risentono fortemente dei fattori della pandemia, ma si può vedere chiaramente che il titolo Hilton, ad esempio, è aumentato di oltre il 30% dall'inizio dell'anno. Questo massiccio supporto dei bassi tassi di interesse si riflette anche nello sviluppo delle azioni, secondo il capo analista della Banca Unicredit.

Una delle dichiarazioni chiave della Signora Rosen è che i "player tecnologici" come Amazon, Zoom o Netflix sono in conflitto con i valori ciclicamente dominati come le compagnie aeree e gli hotel. Il tutto è chiaramente controllato dallo sviluppo della pandemia.Fino a quando non avremo un quadro più chiaro di come la pandemia possa finalmente essere risolta, quest'area di tensione persisterà sicuramente.”

La Signora Rosen chiarisce ancora una volta che il prezzo del petrolio è un fattore molto decisivo che ha spinto l'inflazione. Inoltre, oltre ad altri settori, esiste anche nel turismo una dicotomia, “lusso vs. sconto”, che può dirottare l'inflazione sugli ospiti. “Quelle due estremità ne traggono vantaggio e il centro va sotto pressione. È così, ma già ai tempi prima della pandemia e non solo nel turismo".

 

Lisa Neumeier

Lisa Neumeier è partner dell'ufficio di Monaco di Simon-Kucher & Partners. Simon-Kucher è una società di consulenza gestionale operante a livello globale con oltre 1.600 dipendenti in 26 paesi in tutto il mondo. In qualità di consulente di gestione, supporta i suoi clienti nel settore del turismo e del tempo libero principalmente con attività di marketing, vendita e determinazione dei prezzi, aiutandoli così a generare maggiori profitti.

La Signora Neumeier riferisce di uno studio attuale sulle tendenze di viaggio e tempo libero e fornisce informazioni uniche su come il comportamento di viaggio, il comportamento di prenotazione, i budget e le preferenze si sono sviluppati tra i nostri ospiti a causa della mutata situazione.

 

“Il contenimento dei consumi che il Corona Virus ha imposto ai clienti ha decisamente spostato le preferenze dei consumatori.”

 

All'inizio della conferenza della Signora Neumeier, diventa chiaro che le persone vogliono assolutamente viaggiare e che i prezzi più alti non sono percepiti come più alti dalla metà degli intervistati a reddito più alto. Nel corso della pandemia si è sviluppato anche un segmento in rapidissima crescita: il Revenge Traveller. Questo segmento tende a essere costituito da persone più giovani che vogliono vivere in città più grandi e tendono ad avere un reddito più elevato.”

In generale, la Signora Neumeier riferisce che la durata del soggiorno si sta accorciando e ci sono meno viaggi di vacanza. Evitare luoghi affollati significa anche evitare i trasporti pubblici. Tra le altre cose, anche le prenotazioni per i pacchetti turistici stanno diminuendo, poiché la flessibilità viene abbattuta in questo segmento.

Il modo in cui le persone viaggiano e la modalitá in cui le persone prenotano è cambiato in modo significativo a causa della crisi pandemica. Questo studio mostra chiaramente che ci sono budget di viaggio più elevati e che le prenotazioni vengono sempre effettuate con un preavviso più breve rispetto a prima della crisi. Secondo la Signora Neumeier, questa maggiore flessibilità da parte dei dipendenti offre anche un'opportunità per il settore alberghiero. "Vediamo soggiorni più brevi e, allo stesso tempo, budget più elevati: l'upselling può essere attivamente incluso nella gestione dei processi e offre una grande opportunità per aumentare facilmente le vendite.”

Poiché sempre più persone possono lavorare da qualsiasi luogo, i lavoratori hanno il potenziale per associare un viaggio di lavoro anche a prenotazioni successive. È probabile che il mercato dei viaggi d'affari sia un po' scosso per un periodo prolungato, ma il tema del lavoro è una grande tendenza e quindi, afferma il consulente, gli hotel dovrebbero essere preparati anche a questo. “Il viaggiatore per lavoro è alla ricerca di una connessione Internet stabile e possibilmente di una stanza separata dove poter lavorare in pace. Ecco perché è relativamente facile adattarsi a questo gruppo target.”

La Signora Neumeier dice anche agli hotel che la gestione delle entrate dovrebbe essere implementata immediatamente. Inoltre, afferma anche che questa tendenza al lavoro dovrebbe essere ripresa, poiché offre l'opportunità di accogliere l’uno o l’altro ospite anche in bassa stagione.

 

Matthias Trenkwalder

Matthias Trenkwalder ha studiato economia internazionale all'Università di Innsbruck e alla LUISS di Roma. Dopo diversi anni di esperienza lavorativa nel settore delle startup e degli investimenti, ha fondato RateBoard insieme a Simon Falkensteiner ed è stato per sei anni amministratore delegato di successo dell'azienda.

Il Sig. Trenkwalder offre interessanti spunti sull'andamento dei prezzi nel settore alberghiero premium negli ultimi anni e parla anche delle prospettive per la prossima stagione invernale. Sono stati valutati e presentati i dati di oltre 300 hotel in Germania, Austria e Alto Adige, che già funzionano con prezzi dinamici.

 

"Il numero di hotel che utilizzano RMS è tragicamente piccolo. Solo il 10% circa di tutti gli hotel gestiti dal proprietario in Europa lavora con sistemi di gestione delle entrate."

 

In Austria ci sono stati aumenti dei prezzi ben al di sopra dei tassi di inflazione anche prima della pandemia. In 3 anni sono stati raggiunti aumenti di prezzo di oltre il 30% nel segmento del lusso. Poiché l'Austria ha un mercato interno relativamente piccolo, nel luglio 2020 il paese ha sofferto più dello shock pandemico che nelle altre regioni. Ecco perché, in via eccezionale, le camere sono state vendute a un prezzo inferiore in questo periodo rispetto a prima della pandemia, riferisce l'amministratore delegato di RateBoard.

Rispetto all'Austria, l'Alto Adige ha probabilmente il vantaggio che questa destinazione ha un mercato interno molto più ampio con l'Italia. Sulla base di ciò, nel 2021 sono seguiti significativi aumenti di prezzo. In totale, negli ultimi 3 anni ci sono stati aumenti di prezzo in Alto Adige di oltre il 20%, riferisce Trenkwalder.

Contrariamente alle zone del turismo alpino, nel 2019 in Germania non ci sono stati aumenti di prezzo importanti, ma anche lì si è sempre tenuto conto del tasso di inflazione personalizzato. “Gli albergatori tedeschi beneficeranno quindi dello straordinario turismo interno nel 2020 e hanno anche potuto attuare aumenti di prezzo significativi di oltre il 20%. Questa tendenza è proseguita nel 2021.”

Gli attuali dati sulle prenotazioni per gli oltre 300 hotel analizzati dimostrerebbero che solo il 25% circa di fatturato in meno è stato generato tra questi hotel in Austria rispetto a 2 anni fa. Ciò può anche essere correlato al fatto che le prenotazioni vengono effettuate con un preavviso più breve, il che significa che vi è un’alta probabilità che gli stessi numeri vengano presto raggiunti di nuovo come ai tempi prima della pandemia. “Per quanto riguarda la situazione dell'inflazione nel turismo, si può notare che gli aumenti dei prezzi sono superiori all'andamento dell'inflazione.” Un'immagine simile, anche un po' migliore, può essere vista in Alto Adige. Anche lì si può notare che i prezzi sono mese dopo mese al di sopra dei valori degli ultimi anni.

Secondo il CEO di RateBoard: più l'hotel è unico nel suo genere, più facile è far passare gli aumenti dei prezzi, reagire a nuove circostanze e quindi non soffrire l'inflazione.

 

Sebastian Ott

Sebastian Ott è l'amministratore delegato di Familotel AG e quindi un rappresentante di quasi 70 hotel. Il Sig. Ott è stato l'amministratore delegato di vari hotel e quindi ha molta esperienza e molti contatti con gli hotel. 

Il Sig. Ott riferisce in modo pratico quali sfide devono essere superate e quali opzioni hanno gli hotel per reagire all'elevata inflazione nel miglior modo possibile, affinché possano continuare a lavorare in modo economico e non risentire dell'aumento dei costi.

L'inflazione è percepita a diversi livelli negli hotel. A livello diretto, in altre parole, nella situazione di aumento dei prezzi di acquisto. L'inflazione è particolarmente evidente nei costi dell'energia ma anche nei prezzi dei generi alimentari.

C'è anche una maggiore pressione sui costi a livello indiretto, vale a dire quello dei dipendenti. “I nostri dipendenti non possono più permettersi così tanto. Questo è evidente mentre si va al lavoro, quando l'auto deve essere rifornita di carburante e il conto è improvvisamente molto più costoso dell'ultima volta.”

Quindi il dipendente si rende già conto che ha bisogno di più soldi per andare al lavoro. Di conseguenza, secondo il Signor Ott, dobbiamo far fronte a una maggiore pressione da parte della forza lavoro per salari più alti. “Questa è una pressione molto massiccia, ma è anche abbastanza comprensibile.”

Per quanto riguarda la gestione dei costi, il Sig. Ott spiega che i prezzi del petrolio e del gas in particolare, ma anche i prezzi della carne e del pesce, sono prezzi correnti, il che significa che c'è relativamente poco da fare per contrastare l'inflazione. L'aumento dei costi può essere compensato solo aumentando le vendite.

 

“In definitiva, è la via da seguire per implementare un prezzo di vendita più elevato, perché noi come singoli hotel saremo in grado di fare poco con i prezzi di acquisto e i prezzi dell'energia".

 

Il Signor Ott consiglia agli albergatori di non innervosirsi e di gestire i prezzi con molta sicurezza, poiché i prezzi aumentati non sono percepiti dagli ospiti come costosi. Si tratta di un'opportunità incredibile, ma poi, secondo il CEO di Familotel AG, è di particolare importanza che la qualità sia giusta. “I nostri dipendenti sono la base di ogni qualità. Abbiamo bisogno di dipendenti che siano con noi da molto tempo, poche fluttuazioni e pochi costi per l'acquisizione del personale.”  In questo modo si potrebbe garantire la qualità e anche ottenere un buon prezzo di vendita a breve termine.

 

Noi di RateBoard vorremmo ringraziare ancora una volta i massimi esperti e tutti i partecipanti. In attesa di futuri appuntamenti.

 

Siete inoltre invitati a fissare immediatamente il vostro appuntamento di consulenza personale e non impegnativo.