Hoteltrends

18.03.2020

Eric Eric Marketing Manager

Turismo di massa nella regione alpina

Il tema dell'overtourism è stato oggetto di un acceso dibattito nei media per diversi anni. All'inizio, si trattava principalmente di hotspot turistici urbani come Barcellona, Venezia, Amsterdam, ecc., ma da qualche tempo anche la regione alpina si sta confrontando sempre più spesso con il problema del turismo di massa.

Sempre più spesso la regione alpina deve occuparsi anche di overtourism.

Il turismo è in pieno boom! Secondo uno studio dell'UNWTO, negli ultimi 10 anni le cifre sul turismo sono aumentate in tutto il mondo in media del 5 per cento all'anno. La stagnazione non è quindi in vista. Il principale motore di questi sviluppi sono i flussi turistici internazionali.

Non esiste un rimedio brevettuale per domare questa crescita e il turismo di massa che l'accompagna, ma le singole situazioni e le condizioni strutturali delle singole destinazioni sono troppo diverse. Molte grandi città stanno già affrontando il problema con vari approcci. Qui di seguito scopriremo di più sui grandi protagonisti dell'overtourism.

 

Il luogo con la maggiore densità di turisti in Europa*

La distribuzione dei flussi turistici all'interno dell'Austria è spesso sproporzionata, con Hallstatt, patrimonio dell'umanità dell'UNESCO, ad essere la più colpita. Ogni anno si raccoglie più denaro con i servizi igienici pubblici che con l'imposta sulla proprietà.

Con 124 turisti per abitante, la densità turistica è sei volte superiore a quella di Venezia, secondo un confronto dell'intensità turistica della Wifo in Europa. Si stima che ogni anno circa un milione di turisti venga a Hallstatt, solo uno su dieci pernotta. Secondo l'iniziativa "Cittadini per Hallstatt", il numero di visitatori è aumentato da 3.440 a 19.344 tra il 2010 e il 2018. Ciò rappresenta un aumento di sei volte nell'arco di 8 anni.

Probabilmente il ristorante più interessante del mondo

Con queste parole l'Huffington Post ha definito nel 2015 la locanda svizzera Aescher-Wildkirchli. L'anno successivo, l'albergo di montagna è apparso sulla copertina del National Geographic con il titolo "Places of a Lifetime". L'Aescher è diventato un simbolo dell'overtourism, e nei mesi estivi è arrivato fino a 250.000 visitatori nel rifugio, un tempo rustico.

Questo boom ha portato a delle problematiche, soprattutto in termini di infrastrutture. L'acqua del ristorante è limitata, non c'è accesso alle auto e i problemi con l'alimentazione elettrica sono all'ordine del giorno. Il grande problema: gli adattamenti si rivelano difficili, perché la protezione dei monumenti storici porta a notevoli restrizioni strutturali.

 

#lagodibraies, “Ecco dove devo andare!”

Sul canale di social media Instagram si possono trovare con questo hashtag più di 220.000 foto del lago di Braies, e ogni giorno ce ne sono sempre di più. Nei giorni di punta si contano fino a 7.000 auto e 15.000 visitatori, e non si tratta più di un consiglio da addetti ai lavori.

Il "Plan Prags" è stato sviluppato per dirigere il flusso dei visitatori. Dal 2019, gli ultimi cinque chilometri del lago di Braies sono stati chiusi al traffico privato durante l'alta stagione, dal 10 luglio al 10 settembre. La distanza rimanente deve essere coperta con i mezzi pubblici, a piedi o in bicicletta. In futuro, le iniziative saranno realizzate anche in termini di pernottamenti generati, poiché i 1,6 milioni di turisti genereranno solo 140.000 pernottamenti.

Una demo con RateBoard vi mostrerà come gestire meglio il flusso di visitatori nel vostro hotel e allo stesso tempo ottimizzare il vostro fatturato.

*Fonte: Wifo